HOME ---> TV ---> PALERMO ---> CTS COMPAGNIA TELEVISIVA SICILIANA

Via Vann'antò 27
90144 Palermo

Tel. 091305806 - 091301888
Fax: 091345394

Responsabile: Pasquale Anello
Direttore Responsabile: Michele Amato

email: info@ctstv.it
web: http://www.ctstv.it
streaming:

inizio trasmissioni: 1976

Canali di trasmissione:

44o Monte Pellegrino / Palermo
55v Cozzo di Castro / Altofonte (DVB; ex Telecolor)
57o Monte Pellegrino / Palermo (DVB mux Tele Sicilia)
60o Monte San Giuliano / Caltanissetta (DVB mux TVA Tele Video Agrigento)
64o Montagna Longa / Carini (DVB)  (ex Contrada Estremola / Isola delle Femmine)
64v Cozzo Bizzolelli / Misilmeri (DVB)

Canali inattivi:
47o Monte Pellegrino / Palermo
64o
Via Matteo Dominici 19 / Palermo
70o
Piana delle Forche / Erice


La storia dell'emittente tratta dalla pagina http://www.ctstv.it/chisiamo.asp del loro sito internet:

CTS è senza dubbio una delle più antiche emittenti televisive locali palermitane ed è stata una vera e propria fucina di idee, concretizzatesi in fortunate trasmissioni per contenuti e coinvolgimento di spettatori; fucina di personaggi dello spettacolo saliti anche alla ribalta televisiva nazionale. Il gruppo storico delle sue maestranze tecniche, allora giovani ventenni, è oggi sparso per la Sicilia e l’Italia (editori di televisioni locali, responsabili di alta frequenza per prestigiosi network, registi televisivi, apprezzati operatori RAI, esperti di comunicazione e pubblicitari, manager pubblici). In questo lungo periodo, le sedi dell’emittente sono state: quella storica di Via Matteo Dominici,19 (Tel. 091 465255) - Via Ugo La Malfa, 62 - Via Peralta, 3 ed infine Via Vann’Antò, 27, attuale sede degli studi e degli uffici. Il punto di forza di CTS va ricercato nelle continue scelte innovative che caratterizzano le sue produzioni (informazione, sport, cultura, spettacolo) e post-produzioni (documentari e format) che le permettono di (r)esistere in un settore sempre più monopolizzato dal duopolio RAI-MEDIASET. Alcune delle produzioni di CTS, vengono anche trasmesse da Telesicilia, la rete partner operante esclusivamente in tecnologia digitale terrestre. Grazie ad Internet il notiziario può essere seguito on line anche dai suoi concittadini emigrati all’estero e che non intendono tagliare il cordone ombelicale con la loro città. I principali clienti sono le istituzioni locali, le categorie commerciali e produttive sia nazionali che internazionali. Infatti, benché il mercato di riferimento sia principalmente regionale, alcune produzioni sono state effettuate per le imprese televisive tedesche. Nell'ambito della sua attività offre servizi di post-produzione audiovisiva nonché varie troupes per riprese esterne. Tutte le apparecchiature dalla bassa all’alta frequenza fanno uso di tecnologia digitale. La storia di una televisione è soprattutto la storia di una città, lo specchio fedele di una società in continua trasformazione non solo sotto l’aspetto economico ma anche nel costume e nei suoi valori. Ma quale sarà la CTS del futuro? Dal punto di vista tecnico gli investimenti saranno mirati al potenziamento del digitale terrestre ed alla interattività, per fornire servizi a valore aggiunto ai Cittadini ed alla Pubblica Amministrazione; si sta inoltre attrezzando per compiere una ambiziosa trasformazione: ampliare il proprio bacino di utenza da provinciale a regionale. Già da oggi l’editore sta affrontando il sia pur difficile cambio generazionale in maniera alquanto costruttiva. La tradizione verrà raccolta da Danilo Anello, il figlio maggiore dell’editore, giornalista pubblicista e responsabile del centro di produzione, nonché da Alessio Anello, il figlio minore, laureando in Tecnica della comunicazione, che attualmente si occupa, con interesse, della gestione del sito Web e della regia nelle produzioni interne. L’emittente CTS è rimasta nel cuore dei telespettatori palermitani soprattutto per la trasmissione “Io vedo CTS” con la più celebre coppia televisiva palermitana Ferruccio Barbera (R.I.P.) e Marcello Mordino. La trasmissione-cult per antonomasia, imperdibile appuntamento del tardo pomeriggio di quel lontano 1978. Franco Franchi e Ciccio Ingrassia, erano ancora in attività ma in quel momento, la coppia comica palermitana divenne quella formata da Ferruccio e Marcello - il lungo e il corto - il fighetto e il «cagnolo». Nacquero i personaggi di Toti Speciale, l’inviato «troppo speciale», di Toni Fulmini - il meteorologo, Katia Roboante e lo spot dell’improbabile “Sprizzi Sprazzi, il bagnoschiuma al lime dei Ficarazzi”. Il clou della trasmissione era la telefonata in diretta a un numero a caso: chi rispondeva da casa cantando senza esitazioni “Io vedo CTS, la vedo tutti i giorni” sul motivetto di “Io vedo la Titina….”, vinceva un piccolo premio. Solo che qualche volta la telefonata a sorpresa arrivava in momenti poco opportuni, interrompendo una lite coniugale, una seduta spiritica o addirittura una veglia funebre. Nella primavera/estate 2008, a distanza di trent’anni , orfani del compianto “Signò Ferruccio” CTS ha allestito “ Talècucc’è - Io vedevo CTS - La vedevo tutti i giorni”. Questa volta, gli orari prescelti sono stati quelli di Striscia la Notizia ed Affari Tuoi. Si tratta di vere e proprie schegge d’archivio, fortunatamente non andate distrutte in tutti questi anni, della fortunata trasmissione di... altri tempi. Quel tipo di trasmissione, che faceva concorrenza a Dallas, con tutti quegli attori, se pur alle prime armi, oggi non si potrebbe fare più: troppo ristretti i proventi pubblicitari, quasi tutti esclusivamente legati alle produzioni incentrate sulle partite della Palermo Calcio. Un programma più di memoria che di nostalgia, che è servito per sfogliare l’album dei nostri ricordi, per vedere com’è cambiato il mondo nel frattempo. Abbiamo potuto rivedere i volti e le gag di comici allora emergenti quali Gino Carista, Raffaele Sabato (con il suo personaggio Sindaco Isidoro), il compianto Felice Calò, Renzino Barbera, Giorgio Li Bassi, ed altri. La storia del teatro cabaret a Palermo. Altro caposaldo di CTS è stato “Più meglio della Rai”, quando Angelo Butera e Toti Piscopo coinvolsero Renzino Barbera e un altro gruppo di comici palermitani nella surreale sit-com di “TelePatrizia”, che faceva il verso alle televisioni “vere”. Ancora il 2008 è e sarà protagonista di altre fortunate produzioni come “Tutt’apposto” condotta dall’esordiente Angelo Duro, nuovo talent-man. Dall’ottobre 2008 cura l’edizione giornaliera di un TG sperimentale che usa il linguaggio dei segni (TG LIS) offrendo un servizio sociale utile alla cittadinanza. CTS ha arricchito il proprio palinsesto grazie a programmi di partenariato con i circuiti nazionali Cinquestelle e Port-TV, con vari produttori nazionali di fiction, documentari e programmi musicali, di attualità e di calcio.

Negli anni '80 ha aderito, fra gli altri, ai circuiti Euro TV e Modulo 81.


Alcune foto tratte dai nostri archivi


Il nuovo studio tg

Uno scorcio della regia


Pasquale Anello ritira un riconoscimento dall'Aeranti Corallo


Cts utilizza tecnologia Openlogic

fonti: Siciliamedia